lagarde:-“con-tassi-attuali-si-va-verso-target-inflazione-al-2%”

Lagarde: “Con tassi attuali si va verso target inflazione al 2%”

AGI – “Nella riunione del Consiglio direttivo di gennaio, abbiamo ritenuto che le informazioni pervenute fossero sostanzialmente in linea con la nostra valutazione di dicembre sulle prospettive di inflazione a medio termine. Abbiamo quindi deciso di mantenere invariati i nostri tassi di interesse ufficiali”. Lo dichiara la presidente della Bce, Christine Lagarde, nel suo intervento in plenaria al Parlamento europeo. “Questi tassi di interesse sono a livelli che, mantenuti per un periodo sufficientemente lungo, daranno un contributo sostanziale a garantire che l’inflazione ritorni tempestivamente al nostro obiettivo di medio termine del 2%. Si prevede che l’attuale processo disinflazionistico continui, ma il Consiglio direttivo deve avere fiducia che ci porterà in modo sostenibile al nostro obiettivo del 2%. Continueremo a seguire un approccio dipendente dai dati per determinare il livello e la durata appropriati della restrizione, tenendo conto delle prospettive di inflazione, della dinamica dell’inflazione sottostante e della forza di trasmissione della politica monetaria”, aggiunge. 

 

Le tensioni internazionali 

“Il mutevole panorama economico e geopolitico richiede un rafforzamento della resilienza dell’Eurozona”. Lo dichiara la presidente della Bce, Christine Lagarde, nel suo intervento in plenaria al Parlamento europeo.
“Gli elevati prezzi dell’energia e la crescente instabilità geopolitica stanno rappresentando una minaccia per la competitività dell’area euro. E si stanno aggiungendo alle sfide strutturali esistenti dell’Europa come l’invecchiamento, il cambiamento climatico e la digitalizzazione”, aggiunge.
“Per mantenere la sovranità monetaria e la prosperità economica in questi tempi difficili, è essenziale che l’Europa rafforzi la resilienza agli shock e investa nella sua autonomia strategica. Una risposta politica europea unificata dovrebbe mirare a sbloccare la situazione dell’Europapotenziale, concentrandosi sui progressi in tre dimensioni chiave: indipendenza energetica, investimenti e integrazione”, evidenzia Lagarde. 

 

 “La Commissione europea stima che saranno necessari 620 miliardi di euro aggiuntivi all’anno per finanziare gli obiettivi ambientali e climatici dell’Europa, mentre altri 125 miliardi di euro saranno necessari per la transizione digitale. Ma effettuare questi investimenti, così come affrontare le carenze nel funzionamento del sistema finanziario, richiede ulteriori progressi nell’approfondimento della nostra Unione economica e monetaria”.

 

La fedele attuazione del nuovo piano ridurrà il debito

 

“L’attuazione fedele del quadro rivisto di governance economica dell’Ue contribuirà a garantire che le regole fiscali riducano l’elevato debito pubblico e promuovano riforme strutturali e investimenti pubblici produttivi, anche per le transizioni verde e digitale. Sono lieto che i politici dell’Ue, incluso questo Parlamento, abbiano recentemente raggiunto un accordo provvisorio sul nuovo quadro, che dovrebbe essere attuato rapidamente e diligentemente. Ciò sarà essenziale per rafforzare la credibilità e ancorare le aspettative sul futuro corso delle politiche fiscali” ha detto la numero uno della Bce. 

 

Salari rimangono forti

“Le pressioni salariali, nel frattempo, rimangono forti. Si prevede che la crescita salariale diventerà un motore sempre più importante della dinamica dell’inflazione nei prossimi trimestri, riflettendo la domanda dei dipendenti di compensazioni per l’inflazione e la tensione sui mercati del lavoro”.

“Allo stesso tempo, il contributo dei profitti, che di recente ha rappresentato gran parte dell’aumento delle pressioni sui costi interni, sta diminuendo, suggerendo che, come previsto, gli aumenti del costo del lavoro sono in parte ammortizzati dai profitti e non vengono completamente trasferiti ai consumatori” e ha aggiunto “il nostro orientamento restrittivo in termini di politica monetaria, il conseguente forte calo dell’inflazione complessiva e le aspettative di inflazione a lungo termine saldamente ancorate fungono da salvaguardia contro un spirale salari-prezzi sostenuta”.  

 

La reazione delle Borse europee

Seduta fiacca per le Borse europee che dopo un’apertura debole, chiudono miste. I principali indici europei sono in rosso eccetto Francoforte che archivia invece in leggero rialzo. L’attenzione degli investitori è rivolta ai prossimi dati sull’inflazione ma sembra ormai fuori discussione che un primo taglio dei tassi possa avvenire ad aprile, come inizialmente previsto. L’intervento del presidente della Bce Christine Lagarde ha indirettamente confermato questo orientamento ricordando che “le pressioni salariali, nel frattempo, rimangono forti. Si prevede – ha aggiunto – che la crescita salariale diventerà un motore sempre più importante della dinamica dell’inflazione nei prossimi trimestri, riflettendo la domanda dei dipendenti di compensazioni per l’inflazione e la tensione sui mercati del lavoro”. Cionondimeno, ha sottolineato Lagarde, “guardando al futuro, ci aspettiamo che l’Inflazione continui a rallentare, pochè l’impatto degli shock al rialzo del passato si attenua e le rigide condizioni di finanziamento contribuiscono a spingere verso il basso l’Inflazione”.

Categorie