le-piante-assorbono-piu-co2-di-quanto-previsto-finora

Le piante assorbono più CO2 di quanto previsto finora

AGI – Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista internazionale “Science Advances ” dipinge un quadro insolitamente ottimista per il pianeta. Questo perchè modelli ecologici più realistici suggeriscono che le piante potrebbero essere in grado di assorbire più CO2 atmosferica dalle attività umane di quanto precedentemente previsto. Gli scienziati ambientali dietro la ricerca, però, si sono affrettati a sottolineare che ciò non dovrebbe in alcun modo essere interpretato nel senso che i governi del mondo possano rallentare rispetto ai loro obblighi di ridurre le emissioni di carbonio il più velocemente possibile.

“Le piante assorbono ogni anno una notevole quantità di anidride carbonica (CO2), rallentando così gli effetti dannosi del cambiamento climatico, ma la misura in cui continueranno questo assorbimento di CO 2 nel futuro è incerta”, spiega il dott. Jurgen Knauer , che ha guidato il gruppo di ricerca guidato dall’Hawkesbury Institute for the Environment presso la Western Sydney University, Australia.

“Quello che abbiamo scoperto è che un modello climatico ben consolidato, utilizzato per alimentare le previsioni sul clima globale fatte da organizzazioni come l’IPCC, prevede un assorbimento di carbonio più forte e sostenuto fino alla fine del 21 secolo, quando tiene conto dell’impatto di alcuni processi fisiologici critici che governano il modo in cui le piante conducono la fotosintesi. Abbiamo tenuto conto di aspetti quali l’efficienza con cui l’anidride carbonica può muoversi attraverso l’interno della foglia, il modo in cui le piante si adattano ai cambiamenti di temperatura e il modo in cui le piante distribuiscono in modo più economico i nutrienti nella loro chioma. Questi sono tre meccanismi davvero importanti che influenzano la capacità di una pianta di ‘fissarè il carbonio, ma vengono comunemente ignorati nella maggior parte dei modelli globali”, ha affermato il dott. Knauer. 

Fotosintesi è il termine scientifico per il processo in cui le piante convertono – o “fissano” – la CO 2 negli zuccheri che utilizzano per la crescita e il metabolismo. Questo fissaggio del carbonio funge da mitigatore naturale del cambiamento climatico riducendo la quantità di carbonio nell’atmosfera. Tuttavia, l’effetto benefico del cambiamento climatico sull’assorbimento del carbonio da parte della vegetazione potrebbe non durare per sempre e non è chiaro come la vegetazione risponderà in futuro alla CO2, alla temperatura e ai cambiamenti delle precipitazioni che saranno significativamente diversi da quanto osservato oggi.

Nello studio pubblicato questa settimana, Knauer e colleghi presentano i risultati del loro studio di modellizzazione impostato per valutare uno scenario climatico ad alte emissioni, per testare come l’assorbimento di carbonio da parte della vegetazione risponderebbe al cambiamento climatico globale fino alla fine del 21 secolo. Gli autori hanno testato diverse versioni del modello che variavano nella complessità e nel realismo del modo in cui vengono presi in considerazione i processi fisiologici delle piante. La versione più semplice ignorava i tre meccanismi fisiologici critici associati alla fotosintesi mentre la versione più complessa teneva conto di tutti e tre i meccanismi.

I risultati sono stati chiari: i modelli più complessi che incorporavano gran parte della nostra attuale comprensione fisiologica delle piante proiettavano costantemente aumenti più forti dell’assorbimento di carbonio da parte della vegetazione a livello globale. I processi presi in considerazione si rafforzavano a vicenda, in modo che gli effetti fossero ancora più forti se presi in considerazione in combinazione, che è ciò che accadrebbe in uno scenario reale.

Categorie