milano-e-la-citta-piu-cara-d’italia,-potenza-la-piu-virtuosa

Milano è la città più cara d’Italia, Potenza la più virtuosa

AGI – In testa alla classifica delle città più care del 2023 vi è Milano, dove l’inflazione media è pari a 6,1% e si traduce nella maggior spesa aggiuntiva annua, pari, per una famiglia media, a 1656 euro in più rispetto al 2022.

La classifica delle città più care d’Italia del 2023, in termini di aumento del costo della vita, è stilata dall’Unione Nazionale Consumatori. Medaglia d’argento per Varese, 6%, con un incremento di spesa sul 2022 pari a 1582 euro a famiglia.

Sul gradino più basso del podio Bolzano, con 5,8% e dove una famiglia tipo ha avuto nel 2023 una spesa supplementare pari a 1541 euro annui.

Segue Grosseto ( 6,8%, 2 inflazione più alta d’Italia, pari a 1533 euro), al quinto posto Genova, che nel 2023 ha avuto, insieme a Brindisi, la maggior inflazione del Paese, 6,9%, con un esborso a famiglia di 1.504 euro in più rispetto al 2022.

Seguono Perugia ( 6,4%, 1.470 euro), al settimo posto Alessandria, terza in Italia per inflazione ex aequo con Benevento ( 6,6%), con una stangata pari a 1.466 euro, poi Siena ( 6,5%, 1.465 euro).

Chiudono la top ten Lecco e Lodi (entrambe con 5,7% e 1.447 euro).

A Potenza l’inflazione più bassa

Sull’altro fronte della classifica, la città più virtuosa è Potenza, con l’inflazione più bassa d’Italia ( 3,7%) e dove in media si sono spesi “solo” 731 euro in più nel corso del 2023. Al 2 posto Catanzaro ( 4,4%, la seconda inflazione più bassa ex aequo con Reggio Emilia, 822 euro). Medaglia di bronzo Reggio Calabria, terza sia per inflazione ( 4,5%) che per spesa ( 840 euro).

Bene anche Bari (7 con 5,3% e 920 euro), Ancona (8 con 4,7% e 934 euro). Chiude la top ten della città risparmiose Cagliari ( 5,4%, 1014 euro). 

Categorie