salvini,-no-al-‘reddito-di-cittadinanza’-per-i-calciatori-stranieri-in-italia

Salvini, no al ‘reddito di cittadinanza’ per i calciatori stranieri in Italia

AGI – “L’obiettivo del governo è aiutare il calcio italiano anche e soprattutto valorizzando i vivai. Per questo motivo, la Lega ha ritenuto di stoppare la norma che consente ai calciatori stranieri di pagare meno tasse”, a spiegarlo e’ Matteo Salvini si dice “convinto che sia una scelta di equita’ e buonsenso”.

“Il decreto Crescita ha permesso ai club di acquistare atleti dall’estero con lo sconto: un aiuto straordinario, durato anni, che doveva essere l’occasione per rilanciare i nostri campionati. Rendendoli più competitivi e attraenti. Così non è stato, e mi sorprende – aggiunge – la reazione dei club: sembra che il problema della nostra serie A sia la mancanza di una sorta di reddito di cittadinanza per i giocatori comprati oltreconfine”.

“Io ci metto la faccia, come sempre. Se altri colleghi hanno idee diverse – dice ancora il vicepremier e segretario della Lega – li invito a confrontarsi anche pubblicamente. Il bene dello sport italiano passa soprattutto dal calcio: sono aperto a ogni dibattito e proposta”. 

Categorie