sangiuliano-incontra-don-patricello,-“per-me-un-punto-di-riferimento”

Sangiuliano incontra Don Patricello, “per me un punto di riferimento”

AGI – “Per me è stato un momento di grande commozione poter abbracciare padre Maurizio Patriciello che io giudico essere un eroe del nostro tempo. E’ un uomo che dedica quotidianamente la sua vita agli altri, ai più deboli, ai giovani e a chi vive nel degrado. Per quanto mi sarà possibile gli sarò sempre vicino”. Lo ha detto il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, che nel pomeriggio di oggi si è recato personalmente a Caivano, nella parrocchia al parco Verde, per esprimere solidarietà a padre Maurizio Patriciello, e ha incontrato anche i numerosi fedeli e i giovani che collaborano con il sacerdote.

La visita del ministro della Cultura segue la polemica che vede coinvolto il prete anti camorra che era stato appellato in modo dispregiativo come “Pippo Baudo dell’area nord di Napoli” dal presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca. Un’esternazione che oltre a provocare la reazione del sacerdote che ha ricordato di vivere da oltre due anni sotto scorta, ha fatto scattare un’ondata di solidarietà bi-partisan. 

 

 “‘Pippo Baudo dell’area nord di Napoli’. Cosi’, deridendolo, il presidente della Regione Campania definisce don Maurizio Patriciello, un prete, un uomo che cerca di combattere la camorra e dare risposte alle famiglie perbene dove quelli come De Luca non sono riusciti a farlo, o non hanno voluto farlo”. Cosi’ la presidente del Consiglio Girogia Meloni sui social. “Padre Maurizio vive sotto scorta perché è diventato un obiettivo dei camorristi che non gradiscono la sua tenacia nell’allontanare i giovani dalla droga e dalla criminalità. Invece di aiutare Padre Maurizio, fargli sentire il sostegno delle istituzioni, De Luca lo deride, e cosi’ facendo dà un segnale spaventoso”, aggiunge. “Voglio dire a padre Maurizio che lo Stato c’è, al suo fianco. Che non è solo. E che gli uomini e le donne che non hanno scambiato le istituzioni per il palcoscenico di un cabaret, ma svolgono il loro compito con disciplina e onore, conoscono e riconoscono il valore dei suoi sacrifici”, conclude sotto l’hashtag ‘io sono padre Maurizio’.

Categorie